L’Extra – Febbraio 2021

“Uno spiraglio di normalità”

L'Extra - Il giornale di San Michele 2021-02Riprendono piano piano gli allenamenti sul campo, per il momento solo in forma individuale.

Con l’inizio del nuovo anno stanno mano a mano riprendendo per tutte le annate gli allenamenti presso l’impianto di Via Adamello, in attesa delle nuove direttive e dei nuovi protocolli da seguire. L’unica certezza che si ha al momento è che tutti gli allenamenti dovranno essere svolti ancora in forma individuale. Questo sicuramente per i primi due mesi dell’anno.
Certo, questo è un modo insolito di praticare lo sport per il mondo del calcio, ma è al momento l’unico possibile se si vuole continuare gli allenamenti e far muovere i ragazzi. La cosa più importante è salvaguardare la salute di tutti, almeno fino a quando la partita contro il virus sarà completamente vinta. All’inizio di questa stagione sportiva, ad Agosto, gli allenatori dell’Intrepida hanno dovuto convivere con una situazione diversa dal solito. Anche se all’inizio l’attività è stata svolta in modo quasi normale, l’attenzione che si doveva prestare alle misure di contenimento ha in qualche modo vincolato, o per meglio dire limitato, la normale pratica degli allenamenti. Col tempo la situazione si è fatta sempre più Stringente. Nonostante ciò, gli allenatori della “SSD Intrepida 1938” non si sono scoraggiati e hanno cercato di adattare i loro sistemi di allenamento per dare il massimo ai ragazzi che sono riusciti sempre ad allenarsi presso gli ampi spazi dello storico campo a undici e del nuovissimo sintetico dell’impianto di Via Adamello e sui campi dell’adiacente impianto De Stefani, in completa sicurezza e nel più completo rispetto delle normative.
“Anche se l’allenamento individuale è diverso dalla classica seduta – ci dice Luca Bressan, allenatore dei Primi Calci 2012-13 – è possibile riscontrarvi molti aspetti positivi.

Allenare i ragazzini in maniera individuale – prosegue Luca – ci ha permesso di farli migliorare nei gesti tecnici, come ad esempio la ricezione e la trasmissione del pallone. In questo tipo di allenamento abbiamo dedicato più tempo al perfezionamento di questi fondamentali e della parte coordinativa, entrambi importantissimi per tutti ma specialmente per i bambini dell’età con cui ho a che fare. Non poter svolgere partitelle ed esercizi in cui i bambini vanno a contatto tra loro – conclude Bressan – mi ha fatto spostare l’attenzione sulla cura del gesto tecnico e ho cercato, in questo periodo, di incentivare i miei piccoli calciatori a farlo in maniera corretta e ad una buona velocità attraverso gare o staffette. Ho avuto buoni riscontri anche per quanto riguarda le sfide e i giochi a confronto, essenziali per mantenere alto l’impegno e la giusta dose di competizione, che se regolata non fa altro che migliorare e crescere tutti”.

Anche gli altri allenatori, per forza di cose, hanno dovuto rivedere le loro sedute di allenamento cercando di lavorare maggiormente su alcuni aspetti che prima occupavano solo una piccola parte della seduta, come per l’appunto la parte coordinativa.
Il team, oltre che per la pianificazione delle attività, ha collaborato attivamente anche per quanto riguarda l’accoglienza dei bambini e dei ragazzi, eseguendo sempre la misurazione della temperatura corporea, la raccolta delle autocertificazioni e l’igienizzazione del materiale utilizzato.

Tutti gli allenatori, attenendosi ai protocolli e aiutandosi tra loro, sono riusciti a dare continuità alle loro attività, portando avanti il loro lavoro senza farsi scoraggiare dalla particolare situazione, mai vissuta prima.
Ora, come già fatto nel 2020, dalla società Intrepida ci arriva la conferma che anche per questo nuovo anno solare l’impegno sarà ai massimi livelli per far crescere serenamente i ragazzi con i valori che da sempre sono ritenuti importanti per i tesserati della società rossonera, nella speranza che il vaccino dia l’aiuto necessario a vincere questa partita in tempi brevi.

La “SSD Intrepida 1938” coglie l’occasione per augurare un sereno 2021 a tutti i suoi tesserati e a tutti i lettori de L’Extra con l’auspicio che questo nuovo anno sia ricco di soddisfazioni e di calci al pallone.

Aforisma del mese
“Quando Michels insiste sull’importanza di infondere ai ragazzi una mentalità costruttiva, vuol dire che il piacere di un gioco tecnico e offensivo è il miglior strumento per trasmettere al singolo e al gruppo coraggio, autostima, sicurezza: in ultimo, il superamento della paura”.

– Sandro Modeo

Condividi

Articoli collegati