L’Extra – Settembre 2020

“Intanto riparte il bar…”

L'Extra - Il giornale di San Michele 2020-09Per la parte sportiva si attendono ancora le nuove linee guida

Eccoci qua finalmente si riparte…!!!
Venerdì 31 Luglio il bar dell’impianto di Via Adamello è ritornato ad essere attivo accogliendo i clienti che da tanto tempo attendevano la riapertura. Tra l’entusiasmo degli addetti ai lavori e lo stupore degli ospiti nel vedere l’area ricreativa completamente rivoluzionata si è ripartiti. Le tante novità di gestione (vista la notevole affluenza giornaliera) fanno pensare di essere state centrate. Per motivi dovuti alla situazione del Covid-19, l’inaugurazione è stata rimandata a data da destinarsi, quando si potrà fare gran festa insieme a grandi e piccini. Per ora è stata fatta la benedizione del locale da parte di Don Franco con una raccolta cerimonia tenutasi Sabato 8 Agosto alla presenza di alcune autorità politiche e di un gruppo di volontari. Un grazie da parte della dirigenza dell’Intrepida va all’Assessore Comunale Daniele Polato, al Consigliere Comunale Daniele Perbellini, alla capogruppo AVIS sez. Madonna di Campagna Elisa Bogoni per la loro presenza.

La situazione sportiva è ancora un po’ confusa, ci sono ancora molte difficoltà nel definire quale sia la strada da intraprendere, troppi ‘se’ e troppi ‘ma’ ancora non riescono a fare chiarezza sulle decisioni che sia Governo che Federazione dovranno prendere. Di conseguenza le famiglie faticano a capire cosa sia la cosa più giusta da fare per i loro figli. Si spera che per la fine di questo mese ci possano essere linee guida chiare e che l’attività possa riprendere per fare in modo e dare il tempo di programmare la stagione.

“Vorrei ringraziare a nome di tutti – ci dice Stefano Pigozzo, addetto ai rapporti della società con la stampa – una persona che è il principale artefice di tanti cambiamenti, che da oltre 4 anni lavora per la nostra società dietro le quinte, una persona che potremmo definire il cuore pulsante della società, che con passione ed entusiasmo dedica molto del suo tempo alla SSD Intrepisa 1938, colui che ha saputo caricarsi sulle spalle situazioni che difficilmente altri sarebbero stati in grado di fare, colui che crede nel progetto più di chiunque altro e ci sprona a guardare sempre avanti; stiamo parlando di Alessandro Formenti, un amico prima che un socio, un genitore che ha visto crescere il figlio in questa società fin quando i ragazzi del 2004 facevano le prime corse nella palestra delle Giovanni XXIII, vedendoli crescere anno dopo anno. Questo è uno dei punti belli della nostra storia, tanti di noi sono genitori di ragazzi che frequentano questa società da sempre e si ritrovano spesso anche fuori dal campo. Alessandro è una persona che ha prima di tutto valori umani altissimi, sempre disponibile verso tutto e tutti, che crede fortemente in quello che fa e sa sempre prendere le decisioni giuste per il bene della società. Non ha esitato a rimboccarsi le maniche quando è stato chiamato a mettersi in gioco in prima persona. Ovviamente insieme a lui vanno citati tutti coloro che ogni giorno, in ogni occasione di bisogno, danno il massimo dedicando alla causa tante ore del loro tempo per mettere tutte le famiglie del quartiere, che portano i ragazzi all’Intrepida, nelle condizioni di vivere serenamente il “sogno rossonero”.
In questo periodo dove tutte le società hanno avuto grosse difficoltà ad andare avanti, dove tutte le famiglie sono state messe a dura prova e le abitudini di tutti sono state stravolte, condividiamo l’aforisma del mese e lo dedichiamo a tutto il mondo sportivo, a tutte le società che come questa hanno lottato per sopravvivere.

Aforisma del mese
“Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere così come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un’opera di teatro, ma non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita prima che l’opera finisca priva di applausi.”

– Charlie Chaplin

Condividi

Articoli collegati