L’Extra – Dicembre 2018

“Un progetto importante”

L'Extra - Il giornale di San Michele 2018-12Grazie alla collaborazione con l’Hellas Verona e alla professionalità e competenza di Donato Lepore

La fine del 2018, con la stagione nel pieno della sua attività, è ormai vicina. Tutte le squadre stanno producendo il massimo sforzo nell’affrontare con impegno i rispettivi campionati, ricordando che l’obiettivo principale, in linea con il pensiero della Società rossonera è crescere e far crescere.
A questo scopo la Società di Via Adamello ha scelto di affrontare un percorso che porti ancora più qualità e professionalità al suo interno, cercando soluzioni interessanti in virtù dell’affiliazione con l’Hellas Verona.
A questo proposito Donato Lepore si è dimostrato la persona adatta per il nuovo progetto.

Donato, attuale collaboratore di Davide Pellegrini nell’Under 16 della società scaligera, è una persona di prima fascia, sia a livello professionale che umano. Con lui le squadre intermedie hanno la fortuna di poter lavorare costantemente. I collaboratori della società di Madonna di Campagna possono apprendere e capire da lui il modo di insegnare calcio di una Società professionistica. Donato Lepore si è messo a disposizione dell’Intrepida in punta di piedi sposando appieno il progetto, rimanendo sempre rispettoso dello spazio di chi segue le varie annate, cercando di mettere a disposizione la sua esperienza sia sul campo che fuori e per quel che finora si è potuto vedere, la strada intrapresa è quella giusta. L’Intrepida, fedele al suo credo, continua nell’opera di far crescere i ragazzi che si trovano a confrontarsi con i rischi dell’età adolescenziale non solo a livello sportivo ma anche umano.
Il filo conduttore deve essere unico, solo così ogni anno chi prende in mano un’annata troverà sempre ragazzi preparati con lo stesso modo di capire il calcio. Il lavoro in sintonia svolto così in prospettiva futura, evita che le conseguenze negative si trascinino nel tempo con risultati disastrosi.

Purtroppo in giro è molto diffuso che alcuni dirigenti cerchino, per programmi personali, di concentrare tutto il lavoro sulle fasce più grandi, tralasciando la scuola calcio. Un madornale errore che all’Intrepida non si vuole fare, per questo il lavoro maggiore viene svolto mettendo i “piccoli” al centro di tutto, visti anche i numeri di iscritti da far invidia che la Società rossonera può vantare. Sarebbe un vero peccato non tenere conto di questo particolare che porta l’Intrepida ad essere una delle Società più quotate di Verona e provincia.
Con Donato si è alzato il livello d’impegno con sedute extra, programmate e curate nei dettagli, nelle quali i ragazzi, sempre accompagnati e seguiti sui campi dai loro responsabili tecnici, affrontano questa esperienza con entusiasmo e serietà, capendo che il sacrificio è d’obbligo per ottenere grandi risultati sportivi, ma anche per avere una crescita a livello umano.

I cambiamenti si stanno già apprezzando e l’asticella viene mano a mano alzata, viene da sé che più si lavora seriamente più si può azzardare nelle varie sedute, rispettando i tempi di percorrenza del progetto. Tutto questo lavoro porta un valore aggiunto ai ragazzi che possono godere del beneficio di essere educati in modo serio e di dare sempre il giusto rispetto verso tutti coloro che quotidianamente mettono a disposizione il proprio tempo passando ore sui campi con i ragazzi.
Le sedute condotte da Donato Lepore dimostrano tutta la sua serietà e professionalità, le sue sedute sono intense e facilmente digeribili, aperte a chiunque voglia partecipare per apprendere nozioni che possono tornare utili al proprio bagaglio personale; l’esempio che Donato fornisce è di prim’ordine, sempre presente alle riunioni degli allenatori, si rende disponibile a qualsiasi confronto con l’umiltà che lo contraddistingue dimostrando di saper dare, pur provenendo da una realtà diversa, i giusti equilibri e le giuste direttive sia ai ragazzi che ai collaboratori. Questo progetto rappresenta un passo fondamentale per vedere in lontananza un futuro sempre più roseo per questa società.

Aforisma del mese
Per far felice un bambino bastano un pallone ed un maestro che si ricordi di essere stato bambino.
– Arrigo Sacchi

Condividi

Articoli collegati